Artemisia Gentileschi, pittrice dalla personalità energica, sin quasi battagliera

A differenza di molte altre artiste del XVII secolo, si è specializzata nella pittura storica

Artemisia Gentileschi, ( nata l’8 luglio 1593, Roma, Stato Pontificio [Italia] – morta nel 1652/53, Napoli, Regno di Napoli ), pittrice italiana, figlia di Orazio Gentileschi, , uno dei principali seguaci del rivoluzionario pittore barocco , Caravaggio.

Fu un’importante sostenitrice di seconda generazione del realismo drammatico del Caravaggio.
Allieva del padre e dell’amico paesaggista Agostino Tassi, dipinge dapprima in uno stile indistinguibile dall’interpretazione un po ‘lirica dell’esempio di Caravaggio del padre.

Fu violentata da Tassi e, quando non mantenne la promessa di sposarla, Orazio Gentileschi nel 1612 lo portò in giudizio. Durante quell’evento lei stessa è stata costretta a testimoniare sotto tortura.

Di preferenza utilizza il tenebrismo reso popolare da Caravaggio

Sugli ultimi anni della Gentileschi, più delle poche opere sicure, sono alcune lettere a recare interessanti elementi di conoscenza (in esse si trova anche menzione di dipinti per lo più perduti). Particolare rilievo riveste la corrispondenza di questo periodo con l’importante collezionista don Antonio Ruffo di Messina.

La corrispondenza fra la Gentileschi e don Ruffo costituisce uno strumento prezioso per mettere a fuoco la personalità energica e sin quasi battagliera della Gentileschi, che più volte rivendicava le proprie qualità e il proprio prestigio reagendo orgogliosamente a qualsiasi affermazione che potesse intaccarne la dignità oppure oscurarne le virtù artistiche.

Particolare rilievo riveste la corrispondenza di questo periodo con l’importante collezionista don Antonio Ruffo di Messina

Artemisia Gentileschi , autoritratto

Ti potrebbero anche interessare...

“Il Piccolo Principe”

il Piccolo Principe, rappresenta l’innocenza e la purezza dell’infanzia. Attraverso il suo viaggio su diversi pianeti e gli incontri con strani personaggi, il libro invita il lettore a riflettere su temi quali l’egoismo, l’importanza di vedere oltre le apparenze e la necessità di prendersi cura degli altri.

InViaggio logo
///

Gli ultimi…

Solitudine e Paradossi

Nell’era digitale, siamo costantemente connessi. Grazie a smartphone e computer, possiamo raggiungere amici e sconosciuti in ogni angolo del mondo con un semplice tocco sullo schermo. Tuttavia, questa facilità di connessione nasconde una realtà più complessa e meno confortante: essere connessi non significa essere integrati.

///

Feed RSS dal mondo

RSS NEWS FINANZA
RSS NEWS SALUTE
  • Dipendenze giovanili, quali sono i segnali che le famiglie non devono trascurare Marzo 1, 2024
    Per impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una dipendenza patologica in età adulta è fondamentale promuovere interventi precoci nei più giovani. Ecco quali sono i servizi attivi sul territorio e cosa propongonoPer impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una […]
  • La classifica dei migliori ospedali di «Newsweek»:14 sono italiani, guida il Policlinico Gemelli Marzo 1, 2024
    Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di […]

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…