L’amico d’infanzia

Mio amico Gianni a destra, anni 60 in collegio

Piuttosto adolescenziale, conosciuto quando entrambi siamo entrati nel collegio dei Salesiani: è in quel periodo di collegio che abbiamo maturato il rapporto che sarebbe durato tutta la vita

Eravamo due “fuori corso”, più vecchi di due anni rispetto agli altri, per questo ci siamo cercati, perché bocciati recidivi alle scuole primarie. Quindi eravamo “più vecchi” di due anni, facevamo i “boss” – Salesiani permettendo – anche se la disciplina era molto rigida. 

Eravamo diversi: lui molto intelligente, eccellente matematico, al contrario di me più astratto e “commerciale”, più orientato a quello che oggi si chiama Marketing. 

Diversi ma non troppo

Ci sono tanti tipi di intelligenza, l’ho capito strada facendo: la mia era più orientata ad ottenere risultati pratici, lui era più teorico, tanto che poi nella vita non gli è servito a molto. La mia indole esuberante, emotiva e creativa: questa si mi è servito molto, nella professione e nelle relazioni.

Ci siamo frequentati per un lungo periodo anche una volta terminati gli studi. Saputo del mio infortunio, Gianni è accorso all’ospedale a farmi visita e data la gravità dell’incidente, per rassicurarmi, ricordo che mi aveva detto che avrei sempre potuto contare su di lui. 

Ci volevamo bene

Una volta più grandi ed entrambi coniugati, con attività e vite diverse, pur rimanendo molto amici ci si vedeva meno. Gianni si trascurava, era poco attento ai dettagli, non guardava l’alimentazione, era ingrassato, con la moglie non aveva una perfetta intesa nonostante non si siano mai separati, gli piacevano molto gli animali, i cani, i cavalli, aveva un negozio di bomboniere e anche la sua attività risentiva di queste situazioni. 

Si era sempre più isolato e se è mancato, é stato solo perché non aveva regole nella cura di sé stesso. É poi mancato non so bene per quale causa, in quel periodo ero in Messico e non ho quindi potuto essergli vicino, non ho potuto nemmeno parlare con la moglie della quale ero ottimo amico. 

E Gianni così se n’è andato. 

Ricordo due o tre belle vacanze che abbiamo fatto insieme con la sua macchina. Io mi ero già fatto male e guidava lui, e condividevamo il grande piacere della libertà dopo i lunghi anni di collegio. Eravamo carichi di aspettative e di quello che ci poteva riservare il futuro, facevamo tanti progetti e, pieni di testosterone, ci guardavamo intorno. 

Qui, con questo brano, la mente corre a quel periodo: 

Il futuro, nel mio caso, mi ha sorriso – non troppo ma come è normale – diversamente da Gianni che si è assestato su un tono più basso, non ha brillato come avrebbe potuto. 

Ti potrebbero anche interessare...

InViaggio logo
///

Gli ultimi…

Solitudine e Paradossi

Nell’era digitale, siamo costantemente connessi. Grazie a smartphone e computer, possiamo raggiungere amici e sconosciuti in ogni angolo del mondo con un semplice tocco sullo schermo. Tuttavia, questa facilità di connessione nasconde una realtà più complessa e meno confortante: essere connessi non significa essere integrati.

///

Feed RSS dal mondo

RSS NEWS FINANZA
RSS NEWS SALUTE
  • Dipendenze giovanili, quali sono i segnali che le famiglie non devono trascurare Marzo 1, 2024
    Per impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una dipendenza patologica in età adulta è fondamentale promuovere interventi precoci nei più giovani. Ecco quali sono i servizi attivi sul territorio e cosa propongonoPer impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una […]
  • La classifica dei migliori ospedali di «Newsweek»:14 sono italiani, guida il Policlinico Gemelli Marzo 1, 2024
    Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di […]

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…