Colombia: si torna a casa!

Colombia

Caliamoci nella routine di due ragazzi appena sposati, in un paese straniero: si trattava di decidere che cosa fare della nostra vita. Oltre a questo, c’era la quotidianità dei rapporti tra me e Angela. Tutti i giorni, ventiquattro ore al giorno, senza impegni, senza lavoro, mica è facile convivere, dopo un po’ si sclera! 

Io ero impreparato a fare il marito, mi portavo dietro l’esempio di mio padre in casa, autoritario; Angela aveva il suo bel carattere, era uno dei motivi per cui mi piaceva: reagiva, mi provocava. Quindi scoppiavano le liti, la cosa più bella era la pace che seguiva ma a lungo andare ci deteriorava.

Praticamente si conviveva con mio padre e lui era stanco dei nostri “musoni” e dell’insoddisfazione generale perché non si riusciva ad intravedere se io avessi avuto modo di trovare un lavoro adatto a me in Colombia.

Non ero tanto convinto di fermarmi, aspettavo un miracolo che magari risolvesse la situazione. 

InViaggio logo

A ricordare, faccio anche un po’ di fatica. Considerate che vivevo in un film, in pochi mesi avevo lasciato l’Italia passando dal Guatemala e dal Messico per poi arrivare in Colombia! Prendevamo l’aereo come fosse un taxi, erano gli anni settanta, stiamo quindi parlando di cinquant’anni fa e non era una cosa molto comune. 

Diciamo che la situazione la prese in mano mio padre: senza dirci niente ha comprato un volo di ritorno e – per dirlo senza mezze misure – ci ha rispedito in Italia. 

Non ho fatto la minima opposizione, ho accettato la decisione, la vedevo come una svolta, come un nuovo inizio, e così è stato. Dopo pochi giorni ci siamo imbarcati e siamo tornati in Italia. 

Ti potrebbero anche interessare...

InViaggio logo
///

Gli ultimi…

Solitudine e Paradossi

Nell’era digitale, siamo costantemente connessi. Grazie a smartphone e computer, possiamo raggiungere amici e sconosciuti in ogni angolo del mondo con un semplice tocco sullo schermo. Tuttavia, questa facilità di connessione nasconde una realtà più complessa e meno confortante: essere connessi non significa essere integrati.

///

Feed RSS dal mondo

RSS NEWS FINANZA
RSS NEWS SALUTE
  • Dipendenze giovanili, quali sono i segnali che le famiglie non devono trascurare Marzo 1, 2024
    Per impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una dipendenza patologica in età adulta è fondamentale promuovere interventi precoci nei più giovani. Ecco quali sono i servizi attivi sul territorio e cosa propongonoPer impedire che l’uso di sostanze, il gioco e il web in adolescenza portino a una […]
  • La classifica dei migliori ospedali di «Newsweek»:14 sono italiani, guida il Policlinico Gemelli Marzo 1, 2024
    Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, seguita dalla Cleveland Clinic (Usa) e dal Toronto General - University Health Network (Canada)Sul podio c'è la Mayo Clinic di […]

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…