Il Mondo senza di Noi: perché leggerlo è fondamentale

Condividi col mondo

Condividi col mondo

Social Sharing Menu
Il mondo senza di noi

Come sarebbe il mondo senza umani? O meglio, cosa accadrebbe se da un momento all’altro dalla faccia della terra l’uomo scomparisse? No, non è l’incipit di un film post apocalittico, ma il risultato della fatica letteraria e giornalistica di Alan Weisman.

Scrittore, giornalista e insegnante statunitense, Alan Weisman ha dato alle stampe nel 2007 “Il Mondo senza di Noi”, un testo a metà tra la fantasy fiction e il saggio scientifico-giornalistico capace di darci un affresco di incredibile portata riguardo ai cambiamenti che l’uomo ha innestato sul pianeta sin dal momento della sua comparsa, a ciò che accadrebbe qualora la specie umana scomparisse all’istante e, soprattutto, alla pochissima importanza che abbiamo all’interno dell’universo.

InViaggio logo

Il mondo senza di noi: un viaggio intorno al mondo

Il libro di Weisman, complesso dopo i primi due capitoli in cui ci esplicita la intrinseca fragilità del mondo umano e delle sue imperiture costruzioni, è costruito intorno ai contributi di importanti tecnici (biologi, ecologi, ingegneri e chi più ne ha più ne metta) il cui compito è mantenere lo status quo del pianeta per far si che la pesce umana prosegua il proprio approvvigionamento indiscriminato.

E così il giornalista ci porta nella Białowieża Puszcza, al confine tra Polonia e Bielorussia, alla scoperta dell’ultima foresta incontaminata presente in Europa, in una New York completamente inondata dalle acque ora tenute a bada da pompe elettriche, a Varosha, una città cipriota fantasma in cui si può vedere un’anteprima di quello che accadrebbe se gli esseri umani scomparissero e nella linea di demarcazione tra le due Coree, dove le Gru della Manciuria possono vivere indisturbate, almeno fino a quando nessuno deciderà di invadere quello spazio ad oggi sacro per la biodiversità.

Un viaggio dall’ampiezza globale, che spazia anche temporalmente mostrandoci scientificamente quanto pesino le nostre azioni sul mondo che circonda e quanto l’essere umano abbia impattato sull’ecosistema terra.

Il mondo senza di noi è un bagno di umiltà

Ma se la descrizione dei cambiamenti innescati a causa delle nostre azioni è disarmante e ci elegge a deleteri mostri mangia pianeti, è ciò che correda tali descrizioni a costituire il fulcro del libro.

Il Mondo senza di noi è un bagno di umiltà per tutti coloro che sceglieranno di leggere il libro, un tuffo nella minuscola importanza dell’uomo nell’economia universale.

Weisman ci parla di quello che rimarrà dell’uomo a distanze varie dal momento della sua sparizione: ceramiche, fossili residuali, qualche onda sonora inviata nello spazio. Niente più di questo, poiché il pianeta – almeno fino a quando il sole non esploderà decretando la fine di ciò che conosciamo – riuscirà a riprendersi, passando oltre la presenza dell’essere umano come se nulla fosse cambiato.

Beh, nulla proprio no, ad esempio se le centrali nucleari non venissero spente per tempo i danni che potrebbero causare si stimerebbero temporalmente in migliaia di anni, ma il pianeta resisterebbe ugualmente e la vita continuerebbe.

Perché leggerlo?

Leggere il Mondo senza di Noi di Weisman è dunque un atto dovuto rispetto a quello che è il nostro mondo contemporaneo: un meltin pot di problemi ecosistemici ai quali è possibile porre un freno, ma non di certo un rimedio.

Suggeriamo dunque di leggerlo per farsi un’idea più precisa su cosa muova i meccanismi di rigenerazione del pianeta, su quanto siamo deleteri e allo stesso tempo insignificanti, in un universo che ricerca equilibrio.

Ti potrebbero anche interessare...

The Serpent su Netflix, un serial killer attivo negli anni ’70

La storia segue Charles Sobhraj, un assassino, ladro e seducente maestro del travestimento, che si celava sulla via hippie tra Europa e Asia, uccidendo giovani occidentali che capitavano tra le sue grinfie. La serie è ispirata alla vera storia di Sobhraj, che è stato arrestato e condannato per i suoi crimini.

C’era una volta in America, un film da vedere e rivedere.

La potenza del film risiede nella sua capacità di farci sentire vicini a Noodles, condividendo con lui il peso delle scelte e il dolore delle perdite. La ricerca di Deborah, che attraversa decenni, ci mostra non solo l’evoluzione di un uomo, ma anche il cambiamento di un’intera società, testimoniando il modo in cui i sogni personali si intrecciano con le mutevoli realtà storiche.

InViaggio logo

I feed RSS dal mondo

InViaggio logo

Tags

///

Gli ultimi…

La paura, come rendere la tua amica?

La paura non è negativa, dice Giraud. Analizzare sistematicamente l’ambiente e i fattori coinvolti aiutano a prendere decisioni migliori. Non si tratta di convincersi a fare ciò che spaventa, ma di comprendere i propri limiti e accettare i rischi.

I Rischi del Consumo Irresponsabile degli Zuccheri

Comprendere i rischi del consumo irresponsabile degli zuccheri e monitorare la circonferenza addominale sono passi cruciali per preservare la salute e prevenire patologie cardiovascolari e metaboliche.

///

Feed RSS dal mondo

Biografia

Viaggiare

Rassegne

Benessere

Risorse

About

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…