L’educazione

Condividi col mondo

Condividi col mondo

Social Sharing Menu
Salesiani Educazione
Refettorio del collegio presiedevo qualche iniziativa

Il refrain dei salesiani era il movimento: odiavano quando si formavano dei gruppi, specie se eravamo fermi. La loro idea fissa era che stare fermi significasse diventare “amici del diavolo”. Bisognava lavorare e pregare per non cadere in tentazione, quindi ci tenevano sempre occupati. 

C’era molto ordine: tra un luogo e un altro c’erano spazi di ricreazione nei cortili. Mi ricordo che ve n’erano uno o due più lunghi, e altri invece più corti di un quarto d’ora per andare in bagno e sgranchirci le gambe. Nella ricreazione che durava un’ora loro preferivano che giocassimo a calcio, a pallavolo, a ping pong (in cui ero molto forte), al calcio balilla. Era una forma di divertimento ma contemporaneamente anche un modo per tenerci occupati, sempre nell’idea di un continuo movimento.

Lo stesso valeva per i pasti: nel refettorio, enorme anch’esso, si entrava in fila e in silenzio. Una volta seduti ordinati l’assistente suonava una campanella e potevamo iniziare a mangiare e a parlare. 

Me la intendevo bene

Anche perché ero ricambiato nonostante la mia indisciplina!

Tra noi c’era una buona intesa e armonia. Ero nel mio ambiente, perché dopo un’infanzia non vissuta con i miei genitori piuttosto “distanti” e i continui viaggi per l’Italia, avevo trovato nel collegio il mio ambiente, la mia casa. 

Ho saltato tante volte il cinema domenicale perché in punizione (ahaha). Qualche volta l’assistente – chiamato il coadiutore – formava un piccolo gruppo e ci portava fuori dalle mura a fare una passeggiata.

InViaggio logo

Non vissi il collegio come un cosa negativa, anche perché capivo che avrei dovuto trovare la mia strada. Mia madre aveva fatto questa scelta strategica: mettermi al “chiuso”, in un ambiente protetto. 

In quel periodo mio padre era tornato a lavorare alla Davit in Valle d’Aosta, quindi a ottanta chilometri da Valdocco. Venivano quindi a trovarmi una volta al mese, mentre nei tre mesi di vacanza, a Natale e a Pasqua tornavo a casa. 

Salesiani Gianni e Eder
Durante una gita con un caro amico, Gianni

In quei tre mesi estivi i Salesiani ci davano libri o rosari da vendere durante le vacanze – in maniera del tutto volontaria – per tenerci occupati. Io, almeno fino ai diciassette anni, l’ho fatto volentieri: avevo iniziato a fare il venditore (ahaha). Al rientro poi, i salesiani avrebbero stilato una classifica meritoria in base a chi aveva venduto di più, io mi posizionavo bene.

Mi hanno lasciato un “segno”, di cui sono molto fiero, come tanti ex allievi salesiani. Fino a una decina di anni fa, facevo regolarmente visita ai coadiutori e Salesiani di Valdocco. 

Ti potrebbero anche interessare...

InViaggio logo

I feed RSS dal mondo

InViaggio logo

Tags

///

Gli ultimi…

La paura, come rendere la tua amica?

La paura non è negativa, dice Giraud. Analizzare sistematicamente l’ambiente e i fattori coinvolti aiutano a prendere decisioni migliori. Non si tratta di convincersi a fare ciò che spaventa, ma di comprendere i propri limiti e accettare i rischi.

I Rischi del Consumo Irresponsabile degli Zuccheri

Comprendere i rischi del consumo irresponsabile degli zuccheri e monitorare la circonferenza addominale sono passi cruciali per preservare la salute e prevenire patologie cardiovascolari e metaboliche.

The Serpent su Netflix, un serial killer attivo negli anni ’70

La storia segue Charles Sobhraj, un assassino, ladro e seducente maestro del travestimento, che si celava sulla via hippie tra Europa e Asia, uccidendo giovani occidentali che capitavano tra le sue grinfie. La serie è ispirata alla vera storia di Sobhraj, che è stato arrestato e condannato per i suoi crimini.

///

Feed RSS dal mondo

Biografia

Viaggiare

Rassegne

Benessere

Risorse

About

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…