Alda Merini: L’altra verità. Diario di una diversa

Social Sharing Menu

Questo libro è consigliato a tutte quelle persone che non si fermano alle apparenze, a chi come me attraverso la lettura, entra in contatto con persone, emozioni e mondi nuovi che altrimenti non avremmo avuto la possibilità di conoscere.

“Quando venni ricoverata la prima volta in manicomio ero poco più che una bambina, avevo sì due figlie e qualche esperienza alle spalle, ma il mio animo era rimasto semplice, pulito […].

Insomma, ero una sposa e una madre felice, anche se talvolta davo segni di stanchezza e mi si intorpidiva la mente. Provai a parlare di queste cose a mio marito, ma lui non fece cenno di comprenderle e così il mio esaurimento si aggravò, e morendo mia madre, alla quale io tenevo sommamente, le cose andarono di male in peggio tanto che un giorno, esasperata dall’immenso lavoro e dalla continua povertà e poi, chissà, in preda ai fumi del male, diedi in escandescenze e mio marito non trovò di meglio che chiamare un’ambulanza, non prevedendo certo che mi avrebbero portata in manicomio”


Così esordisce Alda Merini nel suo libro “L’altra verità. Diario di una diversa”, una delle scrittrici più significative, anticonformiste e controcorrente della letteratura italiana.

Il libro, pubblicato nel 1986 dall’editore Scheiwiller, è scritto sotto forma di diario e racconta del suo ricovero decennale in manicomio al Paolo Pini di Milano. Uno sguardo sull’inferno vissuto da Alda, tra elettroshock ed emarginazione sociale.

Per Alda le notti all’interno del manicomio sono infinite e gli eventi violenti, si susseguono giorno dopo giorno. Attraverso le sue parole si può capire la sofferenza che ha provato:


Ma anche all’inferno ci può essere qualcosa di bello e puro come l’amore platonico che Alda prova per Pierre.

Pierre è un paziente della sezione maschile. È la sua oasi di pace dove rifugiarsi quando le violenze che subisce diventano insostenibili.


Ma quando viene scoperto il loro idillio platonico, Pierre viene trasferito in un altro manicomio.

Alda Merini con le sue parole, riesce a trasportare il lettore all’interno di quell’inferno, riesce a far percepire gli odori e le urla strazianti dei malati.

Parole forti che gettano luce su ciò che dovevano sopportare quelle persone che venivano considerate “pazze”.

“Il vero inferno è fuori. A contatto con degli altri, che ti giudicano, ti criticano, e non ti amano”.

Il vero manicomio per Alda è fuori da quelle mura, dove è stata giudicata, emarginata e non amata. E attraverso le sue parole riesce a trasmettere la sua voglia di libertà e di riscatto.

Ti potrebbero anche interessare...

Recensione del Film “Il Portiere di Notte”

Il Portiere di Notte”
Visto, a me era piaciuto molto, tosto, da vedere “Il Portiere di Notte”, diretto da Liliana Cavani e uscito nel 1974, è un film che esplora le oscure relazioni tra vittima e carnefice ambientato nel periodo post-seconda guerra mondiale.

The Serpent su Netflix, un serial killer attivo negli anni ’70

La storia segue Charles Sobhraj, un assassino, ladro e seducente maestro del travestimento, che si celava sulla via hippie tra Europa e Asia, uccidendo giovani occidentali che capitavano tra le sue grinfie. La serie è ispirata alla vera storia di Sobhraj, che è stato arrestato e condannato per i suoi crimini.

C’era una volta in America, un film da vedere e rivedere.

La potenza del film risiede nella sua capacità di farci sentire vicini a Noodles, condividendo con lui il peso delle scelte e il dolore delle perdite. La ricerca di Deborah, che attraversa decenni, ci mostra non solo l’evoluzione di un uomo, ma anche il cambiamento di un’intera società, testimoniando il modo in cui i sogni personali si intrecciano con le mutevoli realtà storiche.

InViaggio logo

I feed RSS dal mondo

InViaggio logo

Tags

///

Gli ultimi…

Anna Bixby la sua grande scoperta che risolve un Mistero Velenoso

Anna Bixby rivoluzionò le pratiche agricole del Midwest, portando a una maggiore attenzione alla gestione dei pascoli.

Questo cambiamento non solo ridusse drasticamente i casi di avvelenamento, ma migliorò anche la qualità della vita nelle comunità rurali, stabilendo nuovi standard per la sicurezza alimentare e sanitaria.

///

Feed RSS dal mondo

Biografia

Viaggiare

Rassegne

Benessere

Risorse

About

Seguire la tua deviazione significa creare il tuo percorso nella vita.

Si tratta di abbracciare il cambiamento e correre dei rischi alla ricerca di una vita che ami.
Che tu sia arrivato a un vicolo cieco o stia cercando un percorso alternativo, seguire una deviazione riguarda il viaggio alla scoperta di te stesso e alla crescita… non la destinazione.

Se dove sei non è dove vuoi essere, allora è il momento di seguire la tua deviazione…